SEI IN > VIVERE MONZA > ATTUALITA'
comunicato stampa

La Provincia di Monza e Brianza ha il suo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile

3' di lettura
60

Con l’approvazione del documento principale e delle osservazioni pervenute, oggi pomeriggio presso la Sala dell’Oro il Consiglio Provinciale della Provincia di Monza e della Brianza ha varato ufficialmente il P.U.M.S. (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile)

Questo piano strategico di orizzonte temporale decennale è volto a governare la mobilità mediante misure di mobilità sostenibile e mobilità dolce, ponendo particolare rilevanza sulle azioni di carattere innovativo e sperimentale negli ambiti dei servizi di mobilità in sharing, del mobility management e dei sistemi informativi sul traffico. Finita la fase programmatoria e documentale portata avanti nel 2022, il P.U.M.S., frutto di una lunga redazione iniziata nel 2019, è stato assunto anche dal Comune di Monza il 13 gennaio di quest’anno. Nel frattempo, nel corso degli scorsi mesi, ben 19 documenti con svariate osservazioni sono pervenuti agli uffici della Provincia MB, di cui due fuori termine ma ugualmente presi in considerazione. Durante la seduta del Consiglio di oggi, tali osservazioni al documento sono state votate in maniera accorpata, essendo il P.U.M.S. un piano di strategia di lunga durata, e non un documento regolatorio della stessa tipologia, ad esempio, del P.T.C.P. (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale).

Il Presidente della Provincia MB Santambrogio e diversi consiglieri hanno voluto ringraziare gli uffici tecnici della Provincia per il loro impegno e la competenza dimostrata durante questa lunga fase di gestazione del Piano, ed altresì evidenziare la grande partecipazione mostrata dal territorio, che si è mostrato grandemente interessato agli argomenti della pianificazione sostenibile.

“Un territorio che partecipa al dibattito pubblico è sintomo di una politica sana che sa parlare lo stesso linguaggio dei cittadini, capace di coinvolgerli e di promuovere gli strumenti democratici a disposizione per fare in modo che ognuno senta di poter dire la sua. – sottolinea il Presidente Luca Santambrogio, che continua – Solo coinvolgendo i cittadini fin dal principio nel dibattito, documenti come il PUMS possono risultare davvero ‘accettati’ in maniera diffusa da tutto il territorio”.

Nelle parole del Vicepresidente Riccardo Borgonovo, “è possibile riconoscere l’importanza del P.U.M.S. nel suo farsi strumento di programmazione a lunga gittata, raccordando temi, obbiettivi, strategie e modalità di governance delle scelte urbanistiche locali con quelle infrastrutturali e di mobilità a livello provinciale. La Provincia MB mostra così grande lungimiranza di vedute, volendo coniugare lo sviluppo economico-sociale con la difesa dell’ambiente e la sostenibilità dei carichi urbanistici sulla rete di mobilità. Un impegno, peraltro, non obbligatorio, ma che la Provincia ha voluto confermare anche nell’ambito dei tavoli del BRIANZA ReSTART (il cui Impegno n. 12 riguardava proprio ‘Mobilità sostenibile e Mobility Management’), in un’ottica di ascolto, confronto e condivisione con le istituzioni locali e i principali stakeholders”.

Al momento la Provincia di Monza e della Brianza risulta essere una delle poche province d’Italia ad aver approvato il Piano, e sicuramente la prima ad averlo fatto su base volontaristica. Le altre Province ad averlo approvato sono le Città Metropolitane di Bologna, Firenze, Genova e Milano, per le quali tuttavia la redazione del P.U.M.S. risultava obbligatoria.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-07-2023 alle 22:23 sul giornale del 05 luglio 2023 - 60 letture






qrcode