SEI IN > VIVERE MONZA > CRONACA
articolo

Fermato contrabbandiere clandestino intento a trafficare due quintali di tabacco contraffatto

2' di lettura
48

Prosegue il piano di interventi delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Monza che, nel quadro del costante controllo economico del territorio, hanno ulteriormente intensificato le attività di polizia economico-finanziaria, di tipo principalmente preventivo, previste dal “dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti”.

In particolare, i Finanzieri del Gruppo di Monza, a seguito di attività di monitoraggio e analisi dei canali di intermediazione per la vendita di beni e servizi tramite corrieri internazionali, hanno individuato, anche grazie allo sviluppo di una segnalazione di una cittadina brianzola, un centro spedizioni di una compagnia di trasporti con filiale in Brianza, ove sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro 26 chilogrammi di tabacchi lavorati esteri di contrabbando.

Il quadro investigativo ricostruito è stato rapportato alla Procura della Repubblica di Monza che delegava alle Fiamme Gialle accertamenti volti all’identificazione del mittente della spedizione e alla disarticolazione della filiera distributiva del tabacco illegalmente introdotto sul territorio nazionale.

L’attività, sviluppata dai Finanzieri monzesi, ha così consentito di individuare un soggetto di nazionalità ucraina in procinto di effettuare una spedizione verso l’Inghilterra di 1.000 pacchetti di sigarette di marca Marlboro, con iscrizioni in caratteri cirillici e privi del previsto contrassegno di Stato. I militari del Gruppo di Monza hanno quindi individuato 2 box auto utilizzati come magazzini di stoccaggio della merce tra la provincia brianzola e quella bergamasca, dove sono stati rinvenuti e sequestrati ulteriori 9.000 pacchetti di sigarette di marca Marlboro oltre l’automezzo utilizzato per il trasporto del tabacco di contrabbando.

A seguito poi dei successivi accertamenti volti a verificare che i tabacchi di contrabbando fossero fabbricati dalla Philip Morris International, detentrice dei diritti di proprietà industriale, è stato altresì appurato che si trattava di confezioni di sigarette contraffatte, prodotte da soggetti non autorizzati, recanti il marchio “Marlboro” illecitamente riprodotto e con una veste grafica idonea a trarre in inganno i consumatori.

Al termine delle indagini, il cittadino ucraino – privo dei documenti validi per il soggiorno sul territorio italiano e conseguentemente invitato a presentarsi presso la locale Questura ai fini della regolarizzazione della propria posizione – è stato deferito alla Procura della Repubblica di Monza per i reati di contrabbando di oltre 200 chilogrammi di tabacchi lavorati esteri, soggiorno illegale nel territorio dello Stato, ricettazione, commercio di prodotti con segni falsi, realizzati usurpando titoli di proprietà industriale.





Questo è un articolo pubblicato il 08-06-2023 alle 10:38 sul giornale del 09 giugno 2023 - 48 letture






qrcode